Pubblicato il Lascia un commento

La porta dell’inferno di Rodin e il presunto rito satanico del 15 ottobre 2021

Da alcuni giorni sta girando il seguente messàggio:

Quello che sta per succedere è gravissimo. Il 15 ottobre i satanisti faranno un rituale satanico contro l’Italia. Capite perciò…che non possiamo rimanere inermi. Bisogna assolutamente combattere. Bisogna assolutamente difenderci. Bisogna assolutamente chiedere la protezione di Dio e della Vergine Maria. Invito tutti a dire il Santo Rosario nei giorni 13-14-15 per fermare questo male e respingere tutti i dèmoni che vorranno far entrare in Italia in quel giorno per colpirci e annientarci. NON GLIELO PERMETTEREMO. Il Santo Rosario in mano e al collo, al polso, con noi in una tasca ma soprattutto: nel cuore e sulle nostre labbra!!! Per favore condividete il più possibile per iniziare questo Triduo di preghiera. Dio ci Benedica sempre da Padre Corrado..

Non posso esimermi dal commentare il messaggio perché, sebbene l’invito a pregare il rosario mariano sia pienamente condivisibile, non lo è nel modo più assoluto l’intenzione di preghiera che dovrebbe animarlo, perché tale intenzione è totalmente falsa e pericolosa. Vi spiego perché.

Innanzitutto il tèrmine “rituale” è utilizzato impropriamente al posto del tèrmine “rito”. I riti satànici séguono il calendàrio satanista e secondo questo calendàrio il 15 ottobre non è previsto alcun rito.
Siccome, però, il 15 ottobre inizierà a Roma, presso le Scuderie del Quirinale, una mostra per i 700 anni dalla morte del cattòlico Dante Alighieri, autore della Divina Commèdia, la cui prima càntica è intitolata “Inferno”, e verrà messa in mostra (oltre ai capolavori di Botticelli, Beato Angelico, Bosch, Bruegel, Goya, Manet, Delacroix, Cezanne, von Stuck, Balla, Dix, Taslitzky, Richter, Kiefer) anche la Porta dell’Inferno di Rodin, lo studioso di esoterismo Giorgio Rossi ha diffuso con un suo video l’idea che dietro la mostra si nascóndano, in realtà, fini occulti.

Ebbene, questa di Giorgio Rossi è solo l’ennésima cantonata che prende. Un’altra, recente, è la bizzarra interpretazione dell’istallazione a forma di capra, posta in piazza Gae Aulenti a Milano. Secondo lui era il segno dell’íntronizzazióne di Lucífero a Milano, in realtà era solo un’iniziativa per il làncio nel mercato italiano della birra ceca “Kozel”, tèrmine che in língua ceca signífica pròrpio capra, da qui la forma dell’installazione che è anche il marchio della birra.

Ora, questa stupidata di Giorgio Rossi e di altri, per mezzo del passaparola dei cattòlici sprovveduti, si è trasformata nel messàggio su riportato, firmato “Padre Corrado”. Preghiamo per chiunque si celi dietro quel nome. Se c’è veramente un padre Corrado, preghiamo con piú forza perché inizi a vedere la realtà. E la realtà è questa: il 15 ottobre 2021 non si inaughererà un nuovo potere satànico. Esso è già presente e operante in Italia e nel mondo. Chi sta preparando l’avvento dell’anticristo è già al governo religioso e politico e con la mostra presenta semplicemente i simboli del regno a cui appartiene.

Il messàggio di “padre Corrado” è pericoloso perché fa rimanere nelle ténebre dell’ignoranza pròprio quei cattòlici che maggiormente avrébbero bisogno di più luce per comprèndere la situazione polìtica dell’attuale Itàlia. Ebbene, il governo di Sàtana in Itàlia non appartiene al futuro ― come làscia crédere il messàggio ―, ma è già iniziato da tempo. Ha già ànestetizzàto la coscienze di tutti quei cattòlici che non si avvédono della matrice satànica delle polítiche ispirate a “inclusività”, “accoglienza” e “rispetto”[1]. Queste polìtiche hanno il fine dichiarato di generare un progresso culturale che sfocerà in un nuovo umanésimo post-cristiano, ma quanti cristiani se ne sono accorti? Troppo pochi! Quanti cristiani, invece, un po’ più attenti, denúnciano il male, dando a queste leggi l’appellativo di satàniche? Troppo pochi, perché distratti anche da iniziative come quella che sto criticando in questo mio articolo.

Il potere di Sàtana sul mondo passa certamente anche attraverso riti satànici, ma non è necessàrio un rito per èssere di Sàtana e per concédere a lui un potere sul mondo; basta applicare la pròprio volontà al male con le azioni o le omissioni. Là dove si fa il male regna Sàtana.

Se i sacerdoti avessero voluto cercare un dialogo col mondo non a discapito del loro compito di annunciare la verità loro affidata, avrebbero sviluppano un’incisiva mentalità apologètica, tutta a vantaggio della porzione di popolo loro affidata; e se i fedeli cattolici avéssere avuto il desiderio di formarsi, avrebbero potuto acquisire dai loro pastori un sano senso crítico che li avrebbero protetti dagli inganni demoniaci. Si sarebbero, dunque, accorti, tanto per fare un esémpio, che la campagna vaccinale italiana è sostenuta dal governo solo con argomentazioni pròpagandístiche. Non si sarébbero, allora, vaccinati in massa “per dovere morale” (Draghi) o “per amore” (papa Francesco).

Purtroppo il lamento che Dio comunicò al profeta Osea contínua ad èssere attuale:

“Perisce il mio pòpolo per mancanza di conoscenza” (Os 4,6)

Fate girare più che potete!

Flaviano Patrizi


[1] Per un approfondimento di questa temàtica, rimando al mio libro “Sono stata alle porte del cielo e dell’inferno. Nuova testimonianza della dott.sa Gloria Polo” seconda edizione, da pagina 70 a pagina 78.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.