Pubblicato il Lascia un commento

Festa della SS. Trinità, I Doménica dopo Pentecoste

Àudio-commento teològico-spirituàle alle letture e alle preghiere del Missale Romanum ex decreto sacrosancti Concilii Tridentini restitutum[1], (it.: Messale Romano riveduto per decreto del sacrosanto Concílio di Trento), tratto da Maria Valtorta, Il libro di Azaria, CEV.

Per ascoltare l’àudio-commento, clicca sul símbolo bianco del play, posto nel riquadro soprastante in basso a destra.

Pròprio della s. Messa tratto dal Missale Romanum a.D. 1962 promulgatum e traduzione italiana delle letture secondo la traduzione proposta dalle CEI

INTRÓITUS

Tob. 12, 6 – Benedícta sit Sancta Trínitas, atque indivísa únitas: confitébimur ei, quia fecit nobíscum misericórdiam suam. Ps. 8, 2 – Dómine, Dóminus noster, quam admirábile est nomen tuum in univérsa terra. Glória Patri… Tob. 12, 5 – Benedícta sit Sancta Trínitas… 

Tobia 12, 6 – Sia benedetta la Santa Trinità e indivisa Unità: glorifichiamola, perché ha fatto brillare in noi la sua misericordia. Sal. 8, 2 – O Signore, Signore nostro, quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra. Gloria al Padre… Tobia 12, 5 – Sia benedetta la Santa Trinità

S. MESSA CON GLÓRIA

ORÁTIO

Omnípotens sempitérne Deus, qui dedísti fámulis tuis in confessióne veræ fídei, ætérnæ Trinitátis glóriam agnóscere, et in poténtia maiestátis adoráre unitátem: quǽsumus; ut eiúsdem fídei firmitáte, ab ómnibus semper muniámur advérsis. Per Dóminum nostrum Iesum Christum Fílium tuum, qui tecum vívit et regnat in unitáte Spíritus Sancti, Deus, per ómnia sǽcula sæculórum.
M. – Amen.  

O Dio onnipotente e sempiterno, che concedesti ai tuoi servi, mediante la vera fede,di conoscere la gloria dell’eterna Trinità e di adorarne l’Unità nella sovrana potenza, Ti preghiamo, affinché rimanendo fermi nella stessa fede, siamo tetragoni contro ogni avversità. Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio, e vive e regna con Te nell’unità dello Spirito Santo, per tutti i sécoli dei sécoli.

EPISTOLA

Léctio Epístolæ B. Pauli Ap. ad Romanos, 11, 33-36  

O altitúdo divitiárum sapiéntiæ et sciéntiæ Dei: quam incomprehensibília sunt iudícia eius, et investigábiles viæ eius! Quis enim cognóvit sensum Dómini? Aut quis consiliárius eius fuit? Aut quis prior dedit illi, et retribuétur ei? Quóniam ex ipso, et per ipsum, et in ipso sunt ómnia: ipsi glória in sǽcula. Amen.
M. – Deo grátias. 

O incommensurabile ricchezza della sapienza e della scienza di Dio: come imperscrutabili sono i suoi giudizii e come nascoste le sue vie! Chi infatti ha conosciuto il pensiero del Signore? O chi gli fu mai consigliere? O chi per primo dette a lui, sí da meritarne ricompensa? Poiché da Lui, per mezzo di Lui e in Lui sono tutte le cose: a Lui gloria nei secoli. Amen.
M. – Deo grátias.

GRADUALE

Dan. 3, 55-56 – Benedíctus es, Dómine, qui intuéris abyssos, et sedes super Chérubim. Benedíctus es, Dómine, in firmaménto coeli, et laudábilis in sǽcula.

Dan. 3, 55-56 – Benedetto sei Tu, o Signore, che scruti gli abissi e hai per trono i Cherubini. Benedetto sei Tu, o Signore, nel firmamento del cielo, e degno di lode nei secoli.

ALLELÚIA

Allelúia, allelúia. Dan. 52 – Benedíctus es, Dómine, Deus patrum nostrórum: et laudábilis in sǽcula. Allelúia.. 

Allelúia, allelúia Dan. 52 – Benedetto sei tu, o Signore, Dio dei nostri padri: e degno di lode nei secoli. Allelúia

EVANGÉLIUM

Sequéntia S. Evangélii secundum Matthǽum, 28, 18-20    

In illo témpore: Dixit Iesus discípulis suis: Data est mihi omnis potéstas in coelo et in terra. Eúntes ergo docéte omnes gentes, baptizántes eos in nómine Patris, et Fílii, et Spíritus Sancti: docéntes eos serváre ómnia, quecúmque mandávi vobis. Et ecce ego vobíscum sum ómnibus diébus, usque ad consummatiónem sǽculi.
M. – Laus tibi Christe.
  

In quel tempo: Gesú disse ai suoi discepoli: Mi è dato ogni potere in cielo e in terra. Andate, dunque, e istruite tutte le genti, battezzandole nel nome del Padre, del Figlio, e dello Spirito Santo, e insegnando loro ad osservare tutto quello che vi ho comandato. Ed ecco che io sarò con voi tutti i giorni fino alla fine dei secoli.
M. – Laus tibi Christe.
  

ANTÍPHONA AD OFFERTÓRIUM

Tob. 12, 6 – Benedíctus sit Deus Pater, unigenitúsque Dei Fílius, Sanctus quoque Spíritus: quia fecit nobíscum misericórdiam suam. 

Tobia 12, 6 – Benedetto sia Dio Padre, e l’unigenito Figlio di Dio, e lo Spirito Santo: poiché fece brillare su di noi la sua misericordia.

SECRÉTA

Sanctífica, quǽsumus, Dómine Deus noster, per tui sancti nóminis invocatiónem, huius oblatiónis hóstiam: et per eam nosmetípsos tibi pérfice munus ætérnum. Per Dóminum nostrum Iesum Christum, Fílium tuum, qui tecum vívit et regnat in unitáte Spíritus Sancti, Deus, per ómnia sǽcula sæculórum.
M. – Amen.   

Santífica, Te ne preghiamo, o Signore Dio nostro, per l’invocazione del tuo santo nome, l’ostia che Ti offriamo: e per mezzo di essa fai che noi stessi Ti siamo eterna oblazione. Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio, e vive regna con Te, nell’unità dello Spirito Santo, per tutti i sécoli dei sécoli.

PREFAZIO DELLA SS. TRINITÀ

COMMÚNIO

Tob. 12, 6 – Benedícimus Deum coeli, et coram ómnibus vivéntibus confitébimur ei: quia fecit nobíscum misericórdiam suam. 

Tobia 12, 6 – Benediciamo il Dio dei cieli e confessiamolo davanti a tutti i viventi: poiché fece brillare su di noi la sua misericordia.

POSTCOMMÚNIO

Profíciat nobis ad salútem córporis et ánimæ, Dómine Deus noster, huius sacraménti suscéptio: et sempitérnæ sanctæ Trinitátis, eiusdémque indivíduæ unitátis conféssio. Per Dóminum nostrum Iesum Christum, Fílium tuum, qui tecum vívit et regnat in unitáte Spíritus Sancti, Deus, per ómnia sǽcula sæculórum. 

O Signore Dio nostro, giovino alla salute del corpo e dell’anima il sacramento ricevuto e la professione della tua Santa Trinità e Unità. Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio, e vive e regna con Te, nell’unità dello Spirito Santo, per tutti i sécoli dei sécoli.


Note

[1] All’època delle cómunicazióni dell’àngelo Azaria alla mística cattòlica Maria Valtorta (2 feb. 1946 – 2 feb. 1947) il Messale in uso era il Missale Romanum ex decreto sacrosancti Concilii Tridentini restitutum S. Pii V Pontificis Maximi jussu editum aliorum Pontificum cura recognitum a Pio X reformatum et Ssmi D. N. Benedicti XV auctoritate vulgatum (25 lúglio 1920).

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.