Pubblicato il

L’aborto e la testimonianza di Gloria Polo

L'aborto è la testimonianza di Gloria Polo

Per giungere a definire l’aborto «omicidio di un essere umano» non occorre fare appello alla fede e alla morale cristiana, ma è sufficiente riconoscere il «diritto naturale» secondo il quale il feto, fino dalla fecondazione naturale, ossia fino dalla costituzione dello zigote o diploide, possiede un diritto oggettivo, primario, inalienabile all’esistenza. Quando la Chiesa nei suoi documenti magisteriali insegna la morale naturale non impone dogmi da credere, ma propone verità razionalmente accessibili a tutti gli uomini[1].

Per cui noi cattolici nel difendere la vita nascente dobbiamo innanzitutto promuovere la morale naturale su cui si fonda il diritto naturale e successivamente presentare a chi ce lo chiede il meraviglioso progetto di Dio per l’uomo.

Leggi tutto

Pubblicato il

DIO PADRE: “VORRESTE SOLO PAROLE DI MISERICORDIA”

Se il titolo del presente articolo per molti risulterà tagliente, aspettate di leggere l’articolo, che lo è ancor di più. Ma attenti: è sì tagliente, ma solo come lo è il bisturi, che il chirurgo utilizza per asportare il tumore. Il chirurgo qui è Dio Padre. Le sue parole di fuoco furono consegnate alla mistica cattolica Maria Valtorta della cui opera il beato Gabriele Maria Allegra, esegeta biblico, disse: “… capolavoro della letteratura religiosa italiana e forse dovrei dire della letteratura cristiana mondiale”.

Leggi tutto

Pubblicato il

L’ideologia di genere e l’amorevole e ferma resistenza cristiana

Dando uno sguardo al panorama statunitense ci si imbatte con molta frequenza su tematiche, che presenti anche in Italia, sono lì ad uno stadio di sviluppo più avanzato rispetto al nostro. Mi riferisco all’ideologia di genere (ingl.: gender theory). I sostenitori di questa ideologia irrazionale nei dibattiti televisivi fanno continuamente sfoggia della loro ipersensibilità altrettanto irrazionale. La definisco così perché essi nella loro sofferenza emotiva causata dal rifiuto altrui della loro diversità, accusano tutti di intolleranza, ma non si rendono conto che i primi intolleranti sono loro, visto che non tollerano che qualcuno contrapponga alla loro una netta diversità di pensiero, fondata su basi razionali e non emotive. La loro ipersensibilità irrazionale non solo li porta a Continua a leggere L’ideologia di genere e l’amorevole e ferma resistenza cristiana